Pam e Tommy: la storia del video-scandalo più famoso di sempre!

Chiunque sia nato negli anni ’80 o nei decenni precedenti non può non conoscere questa storia.

A metà degli anni ’90 Pamela Anderson era la star indiscussa di una delle serie tv di maggior successo di sempre, “Baywatch”, e le si prospettava una fulgida carriera nel mondo del cinema; Tommy Lee, chiassoso e tatuatissimo batterista dei Motley Crue, era noto per i suoi eccessi, le sue risse e le sue esibizioni provocatorie ed esagerate.

L’amore tra i due scoppia improvviso e divampa come un incendio nell’assolata California: il matrimonio lampo, i riflettori puntati sempre su di loro, una villa magnifica nella quale i due vogliono costruire una famiglia numerosa e consolidare il loro amore.

Sembra una quadro perfetto, ma nel 1995 il carpentiere Rand Gauthier, stanco delle vessazioni inflittegli da Tommy durante i lavori di ristrutturazione della villa e del suo caratteraccio, compie un gesto che cambierà per sempre le vite di questi tre personaggi.

Inizia così “Pam e Tommy”, serie originale Disney Plus che in otto episodi racconta minuziosamente quanto accaduto a causa del furto e della diffusione di un video privato (e molto esplicito) filmato da Tommy e Pamela durante una vacanza in barca.

All’epoca Internet era ancora agli albori, e la diffusione fu più lenta e complicata di quanto non lo sarebbe stata ai giorni nostri, ma non per questo meno capillare: la cosa avrà enormi ripercussioni sulle vite e sulle carriere dei due protagonisti, e anche su Rand…

La serie mi è piaciuta moltissimo: ho apprezzato l’andamento non lineare della storia, che ricorre a numerosi flashback per raccontare gli eventi che precedono lo scandalo, e aiuta lo spettatore a farsi un’idea chiara sui personaggi. Inoltre ogni puntata è molto diversa dalle altre per costruzione, ritmo e protagonisti (oltre ai tre principali, anche ad alcuni secondari viene dato ampio spazio). Pamela Anderson (interpretata da una irriconoscibile e bravissima Lily James) ne esce come una donna dolce, educata e rispettosa, amante del suo lavoro e pazza di suo marito, vittima ingiustificata di una vendetta che non la doveva riguardare. Tommy invece (un altrettanto bravo Sebastian Stan), è un uomo frustrato da una carriera ormai agli sgoccioli, aggressivo e presuntuoso, che non saprà comprendere sua moglie fino in fondo.

Infine Rand (Seth Rogen), prototipo dell’uomo mediocre, solo e afflitto da una vita misera, dopo il furto vivrà una serie di vicende che lo porteranno ad una evoluzione inaspettata, arrivando a comprendere che ha voluto troppo, e che quando si parla di soldi non bisogna mai fidarsi di nessuno.

“Pam e Tommy” racconta una storia che, vista oggi, sembra lontana anni luce da noi, per il progresso tecnologico degli ultimi decenni e per il fatto che una storia simile, adesso, di certo non susciterebbe tale clamore. Eppure un messaggio che mi porto dopo la visione c’è: non bisogna mai tirare troppo la corda in nessuna situazione, perché le conseguenze potrebbero essere davvero inaspettate, e molto gravi…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...