Big Little Lies, Alexander Scarsgard (Perry) in un intervista interessante!

La tua storia con Nicole Kidman è stata una delle più imponenti nello spettacolo. Qual è stata la tua prima reazione quando hai letto gli script?
Sono stato molto emozionato. Pensavo che il tono fosse così unico. È divertente e tortuosa e poi veramente scura e contorta. Il pendolo oscillava avanti e indietro tra toni diversi. Sono stato molto intrigato dal rapporto tra Celeste e Perry. Ho pensato che fosse un’opportunità per raccontare una storia di un marito abusivo che non era un stereotipo. Pensavo fosse affascinante che fosse un buon padre, ama i suoi figli e adora la moglie. In superficie, hanno una vita perfetta e poi sta lottando con questi demoni e non sa come gestirlo. È quasi come un interruttore di commutazione ed è nero ed è violento.


L’intimità tra il tuo personaggio e Nicole è davvero intensa, sia la violenza che il sesso. Come avete fatto? È stato difficile?

Abbiamo avuto un po’ di tempo per conoscerci prima di iniziare a girare. Era importante costruire quella fiducia e comprensione, conoscendo il viaggio che stavamo per affrontare. È un rapporto molto fisico. È l’invidia della maggior parte delle persone quando vedono per la prima volta questa coppia. È troppo bello per essere vero. I bambini, la casa, il sesso, tutto. C’è più di questo. Perderà la linea perché la loro vita sessuale è violenta. Risulta difficile disegnare la linea, perché lei possa sentirsi abusiva, perché si sente come una complice. Ma c’è una differenza tra la simpatia del letto e l’abuso puro che presto attraversa quella linea. È dura e penso che questo sia ciò che rende interessante i personaggi. Perché è difficile per lei muoversi e accettare il fatto che non è la giusta persona per lei e per i bambini. C’è molto amore. Lo ama quando non è violento. In quei momenti è ottimo. E questo è ciò che rende la storia interessante.
Cosa hai pensato quando hai avuto questa parte?

Ho la sensazione che questa sarà la mia ultima intervista, perché dopo Perry Wright, non riceverò mai un altro lavoro. Ma, diavolo, ne valeva la pena.
Perché pensi che? Perché è un mostro?

Sì. Io non avrò mai il ruolo da protagonista, è certo.
Quindi ti sei dato un ruolo fisso da solo?

Certo, se hai bisogno di uno stronzo violento, io sono il tuo ragazzo.
Hai preso in considerazione questa possibilità quando hai firmato?

No, non lo penso mai. Ho interpretato un ragazzo che ha fatto sesso con una adolescente minore in “Diario di una Ragazza Adolescente“. O Sono attratto dal materiale o non lo sono. È una reazione viscerale. Non esiste una strategia. Non penso a cosa farà alla mia carriera. So sempre istintivamente se sono giusto per qualcosa o non lo sono. Se non mi intriga il personaggio, non dovrei farlo. In questo caso, era facile. Il materiale era così ben scritto. Era un personaggio affascinante, anche se incredibilmente incredibilmente buio. E mi ha attratto. Non era un bad guy unidimensionale. È stato molto interessante. Allo stesso modo Monroe nel Diario di una Ragazza Adolescente non era il tipico cattivo. Era un ragazzo dolce ma c’era anche molta oscurità. Credo di essere attratto da questo. Questo è tutto quello che ho. Quando leggo qualcosa, se non voglio saperne di più su quel personaggio, non sarà qualcosa per me.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...